01 mag 2012

Un angelo (poesia di Anonimo)



Ero vicino al tuo letto la scorsa notte.
Ero venuto a dare un´occhiata.
Ho visto che stavi piangendo e non riuscivi a prendere sonno.
Ho uggiolato piano piano quando hai asciugato
una lacrima dal tuo viso.
Sono io, non ti ho lasciata, è tutto a posto, sto bene, sono qui.

Ero vicino a te a colazione, e ti ho guardata versare il caffè,
stavi pensando a quante volte le tue mani mi avevano accarezzato.
Ero con te nei negozi oggi, le tue braccia erano doloranti
ed io avrei voluto portare i tuoi pacchi, ma non ho potuto.

Ero con te oggi quando sei andata alla mia tomba,
te ne prendi cura con molto amore.
Voglio rassicurarti, io non sono là.
Ho camminato con te per la casa mentre cercavi le tue chiavi,
ti ho toccata con la zampa, ho sorriso e ti ho detto "Sono io".

Sembravi molto stanca e triste seduta su quella sedia,
ed io ho cercato con tutte le mie forze
di farti sentire che ero lì, vicino a te.
Per me è possibile starti cosi vicino, sempre
e dirti :"Non me ne sono mai andato ".

Eri seduta tranquilla, poi hai sorriso, penso che tu sapessi
che nella quiete della sera, io ero molto vicino a te.
Il giorno è finito... sorrido e ti guardo sbadigliare,
e ti dico : "Buonanotte, che il Signore ti benedica,
ci vediamo domattina".

E quando arriverà il momento in cui tu attraverserai
il breve spazio che ci divide, io ti correrò incontro
per darti il benvenuto,
e resteremo fianco a fianco.
Ho molte cose da mostrarti,e ci sono molte cose da vedere per te.
Sii paziente, arriva fino alla fine del tuo viaggio...
e poi vieni a casa, vieni da me.

(Anonimo)